Il Medico Competente aziendale deve prescrivere la vaccinazione antitetanica ai lavoratori?

Il tetano

antitetanoIl tetano è una malattia infettiva poco diffusa in Italia, in rari casi mortale.
E’ un’infezione acuta causata da un batterio, il Clostridium tetani; dunque non si trasmette da persona a persona.
Si trasmette solo tramite ferite, anche banali o profonde causate da materiali metallici arrugginiti.
Possono causare il tetano anche siringhe infette e morsi di animali.

L’obbligo della vaccinazione

La vaccinazione antitetanica è obbligatoria in Italia, dato che il tetano è una patologia piuttosto pericolosa.
L’infezione tetanica non si manifesta subito: vi è un periodo d’incubazione che va dai 3 ai 21 giorni.
Una persona non vaccinata che contrae il tetano deve essere immediatamente ricoverata in ospedale.

Mansioni a rischio

La vaccinazione contro il tetano è obbligatoria per tutti coloro che operano nell’ambito dell’agricoltura, allevamento ed edilizia.
Il Medico Competente aziendale deve accertarsi che tutti i lavoratori a rischio tetano siano vaccinati contro il tetano.