I CONSIGLI DEL MEDICO
AIDO - Associazione italiana per la donazione di organi e tessuti

AIDO – Associazione italiana per la donazione di organi e tessuti

All’inizio degli anni ‘70, in Italia, il trapianto di organi, pur essendo ancora limitato al rene e alla cornea, cominciò a delinearsi come un vero e proprio mezzo terapeutico.

A quell’epoca, alcuni cittadini di Bergamo, che avevano intuito la potenzialità dei trapianti, diedero vita alla DOB, l’Associazione Donatori Organi di Bergamo.

L’iniziativa destò molto interesse, determinando centinaia di adesioni in numerose regioni italiane.

La DOB cambiò, così, la sua denominazione in AIDO (Associazione Italiana Donatori di Organi). 

Con il passare degli anni, l’AIDO si è diffusa in tutte le regioni italiane e oggi conta 1.200.000 iscritti.

Secondo i dati forniti dal Centro Nazionale Trapianti, il nostro Paese, con 18,1 donatori per milione di abitanti, è ai primi posti tra le grandi nazioni europee per donazione di organi ed è, invece, al primo posto per donazione di tessuti.

Dal 1 aprile 1999, in seguito alla promulgazione della nuova legge sui prelievi e i trapianti di organi e tessuti, l’AIDO ha assunto una denominazione ancora diversa: Associazione Italiana Donatori di Organi e Tessuti.

La legge n.91 del 1999 riconosce all’AIDO il ruolo di “coautore per iniziative delle Istituzioni volte all’educazione sanitaria e alla promozione della donazione”.

Parte dell’attività dell’AIDO viene svolta nelle scuole e vuole indurre i ragazzi a riflettere serenamente sul problema dei trapianti e sul profondo significato, umano e civile, del consenso al prelievo di organi.

Solo attraverso l’informazione, infatti, si possono superare tutte quelle paure, quasi sempre irrazionali, che si devono affrontare quando si parla di trapianto e donazione di organi.

Attraverso una informazione adeguata, semplice, ma allo stesso tempo scientificamente corretta, questa associazione vuole risolvere i dubbi e combattere le paure dei singoli.

Anche nel nostro distretto sono presenti numerosi gruppi AIDO che si attivano, con mezzi diversi, per promuovere la cultura della donazione. 

Informazione e musica è l’abbinamento che, da qualche tempo, hanno scelto i ragazzi del Gruppo AIDO “Silvia Dall’O’” di Cinto Euganeo per diffondere l’importanza e il valore della decisione di donare i propri organi.

Sono state diverse le serate che, nei mesi scorsi, hanno visto i ragazzi di Cinto Euganeo impegnati in vari paesi della provincia per far conoscere l’AIDO “cantando la vita”. 

Che cos’è il trapianto di organi?

Quando avviene la donazione? Quali sono gli organi che si possono

donare? Queste sono solo alcune delle domande più frequenti. 

Tutti siamo potenziali donatori, ma molti non sanno ancora come lo si diventa.

Poiché nel nostro Paese non è ancora entrato in vigore il principio del silenzio assenso, per diventare donatori bisogna esprimere validamente la propria volontà con una delle seguenti modalità:

  • tesserino blu inviato dal Ministero della Sanità nel maggio 2001;
  • registrazione della volontà sulla banca dati del Ministero della Salute effettuata presso gli sportelli delle sedi distrettuali di Conselve, Este, Monselice e Montagnana;
  • dichiarazione di volontà alla donazione di organi e tessuti scritta su un comune foglio bianco che riporti: nome, cognome, data e luogo di nascita, data e firma;
  • tessera o atto olografo dell’AIDO o di una delle altre associazioni di volontariato o di pazienti.

In mancanza di una esplicita dichiarazione espressa in vita, i familiari (coniuge non separato o convivente more uxorio, o figli maggiorenni o genitori) possono presentare opposizione scritta al prelievo durante il periodo di accertamento di morte.

L’opposizione non è consentita se dai documenti personali elencati o dalle dichiarazioni presentate presso l’Azienda ULSS di appartenenza, risulta che il soggetto abbia espresso volontà favorevole al prelievo di organi e tessuti.

Iscriversi all’AIDO è una delle più belle e fattive forme di solidarietà umana, ma l’iscrizione deve essere fatta da persone che conoscono ed abbiano ben compreso il significato profondo della donazione.

Ciascuno di noi può diventare donatore… ciascuno di noi può aver bisogno di un trapianto.

Tonsille e adenoidi

Tonsille e adenoidi

Le tonsille e le adenoidi sono formazioni costituite da tessuto linfatico, simile ai linfonodi. 

Le tonsille sono localizzate nella gola e sono visibili aprendo la bocca ed abbassando la lingua, mentre le adenoidi sono localizzate nel rinofaringe (al di dietro del naso, ricoperte dal velo e non visibili aprendo solo la bocca, se non con l’ausilio di speciali strumenti).

Tonsille e adenoidi sono situate nella parte iniziale delle vie aeree e pertanto hanno la funzione di filtrare e catturare i germi che respiriamo e che possono provocare infezioni. Esse “esaminano batteri e virus” per attivare un processo di risposta immunitaria contro tali germi, ma esse stesse possono infettarsi. 

Le tonsille e adenoidi aiutano a sviluppare anticorpi contro tali germi, cosa che avviene soprattutto nei primi anni di vita, ma la loro asportazione NON comporta perdita delle difese immunitarie.

COSA COLPISCE E FA AMMALARE LE TONSILLE E LE ADENOIDI

Il problema più comune che colpisce tonsille e adenoidi sono le infezioni

ricorrenti della gola o dell’orecchio o un significativo aumento di volume con ostruzione che può causare problemi respiratori.

Possono inoltre svilupparsi ascessi peritonsillari, tonsilliti croniche e infezioni delle piccole tasche (cripte tonsillari) situate nelle tonsille con possibile alitosi.

I tumori tonsillari sono rari e possono svilupparsi soprattutto nell’età  adulta.

LA TONSILLITE

La tonsillite è un’infezione in una o entrambe le tonsille. I sintomi più comuni sono:

  • tonsille più arrossate del normale
  • presenza di placche o membrane biancastre
  • un leggero cambiamento della voce dovuta all’aumento di volume delle tonsille
  • dolore
  • deglutizione dolorosa o difficoltà alla deglutizione
  • ingrossamento dei linfonodi del collo
  • febbre
  • alito cattivo

Altre patologie che possono colpire le tonsille sono: gli ascessi tonsillari, i tumori delle

tonsille, gli angiofibromi del rinofaringe, localizzazioni di linfomi.

QUANDO CONSULTARE LO SPECIALISTA

Nei bambini è indicata una visita specialistica in caso di: tonsilliti croniche recidivanti (più di 4 – 5 episodi di tonsilliti nell’arco di un anno), difficoltà respiratoria nasale con roncopatia, apnee, disturbi della deglutizione, otiti recidivanti. 

Per l’adulto è indicata anche in caso di un solo episodio di odinofagia (deglutizione dolorosa) o ascesso peritonsillare.

LA VISITA ORL

Lo specialista si informerà dei vostri i disturbi dell’orecchio, naso e gola, ed esaminerà testa e collo. 

Egli usa un piccolo specchietto o uno strumento flessibile e illuminato per esaminare queste aree.

Gli esami colturali sono importanti nella diagnosi di certe infezioni della gola specie da streptococco.

PERCHÈ TRATTARE LE MALATTIE DELLE TONSILLE E DELLE ADENOIDI

Le infezioni batteriche delle tonsille specie quelle causate dallo Streptococco, sono trattate all’inizio con antibiotici. Talora può essere necessaria l’asportazione delle tonsille e adenoidi.

I due motivi principali per eseguire un intervento di Adenotonsillectomia sono:

  • infezioni ricorrenti nonostante la terapia antibiotica;
  • difficoltà respiratorie dovute a ipertrofia tonsillare e adenoidea. 

Tali ostruzioni respiratorie causano russamento e disturbi del sonno che conducono a loro volta alla sonnolenza diurna negli adulti e a problemi comportamentali nei bambini. 

La respirazione orale persistente dovuta a tonsille e adenoidi ingrossate può causare malformazioni dello scheletro facciale e alterazioni dell’allineamento dentale (occlusione). Inoltre le infiammazioni adeno-tonsillari possono favorire infezioni di strutture vicine come la tuba di Eustachio (passaggio tra la parte posteriore del naso e l’orecchio). 

Questo può portare a frequenti infezioni dell’orecchio e perdita uditiva (sordità trasmissiva). Recenti studi indicano che la adenotomia può essere un trattamento benefico per bambini che hanno otiti croniche accompagnate da versamento nell’orecchio medio (otite media con effusione).

TONSILLECTOMIA E/O ADENOIDECTOMIA

Preparazione pre-operatoria Per almeno due settimane prima di qualunque chirurgia ci si dovrebbe astenere dall’assumere aspirina o altri farmaci che contengono salicilati.

Se il paziente o un membro della sua famiglia hanno avuto un qualunque problema con l’anestesia generale bisogna riferire al chirurgo. 

Il chirurgo dovrebbe essere informato del fatto che il paziente sta assumendo qualunque altro farmaco, se ha una anemia falciforme, se ha un disturbo della coagulazione, se ha preoccupazioni riserve riguardo alle trasfusioni di sangue o ha usato steroidi nell’anno precedente. 

Alcuni giorni prima dell’intervento vengono eseguiti esami e visita anestesiologica pre-operatoria.

Generalmente dopo la mezzanotte prima dell’intervento non può essere assunto nulla per bocca (neanche gomma da masticare). 

Qualsiasi alimento presente nello stomaco potrebbe essere vomitato quando si induce l’anestesia e questo potrebbe essere pericoloso.

Prima dell’intervento, ai bambini, viene posizionata una pomata anestetica nelle aree (piega del gomito  di solito) dove dovrà essere inserita l’ago-cannula per l’anestesia; si somministra la preanestesia per bocca e il bambino viene condotto nel gruppo operatorio accompagnato dai genitori fino alla zona filtro (area di accesso alla zona sterile). 

Il piccolo viene sottoposto ad anestesia generale ed operato in anestesia generale.

Solo quando vi è la sicurezza del controllo della sua respirazione il piccolo viene riportato in reparto, assistito sempre dai genitori.

Dopo circa 8 – 10 ore, se non vi sono controindicazioni, viene dimesso con i consigli e le precauzioni da seguire a casa. 

Il dolore post-operatorio non è significativo nei bambini mentre di solito è maggiore nei pazienti adulti. Sulle logge tonsillari operate si formano due placche bianche di fibrina che si staccheranno da sole nell’arco di 10 giorni a piccoli frammenti. 

Nei primi dieci giorni post-operatori il paziente dovrà evitare di favorire il distacco di tali placche in quanto, se queste cadono prima della cicatrizzazione, vi può essere un sanguinamento, ed è per tale motivo che il paziente dovrà avere una alimentazione semiliquida e fredda per dieci giorni, non mangiare cibi che possano facilitare il distacco delle placche, non lavarsi con acqua calda, in quanto il calore può facilitare tale distacco. 

Solo dopo la caduta delle placche il paziente è guarito e potrà riprendere una normale attività.

In caso di sola adenoidectomia, non vi è sintomatologia dolorosa ma si devono evitare cibi con vapori caldi ed esposizione al sole per 8 – 10 giorni come prevenzione del sanguinamento.

IPERTROFIA ADENOIDEA

I sintomi più comuni della ipertrofia adenoidea sono:

  • respirare a bocca aperta
  • invece che dal naso
  • voce nasale (Rinolalia chiusa)
  • respiro rumoroso durante il giorno
  • infezioni ricorrenti dell’orecchio
  • russamento notturno
  • apnee notturne (il respiro si ferma per pochi secondi durante la notte con russamento o respirazione rumorosa).
Preziosi consigli per Ridurre la pancia in breve tempo

Preziosi consigli per Ridurre la pancia in breve tempo

Ecco di seguito alcuni consigli sul come ridurre la pancia in breve tempo:

Pancia piatta
Se da un pò di tempo, guardandovi allo specchio, non ne potete più di vedere quella pancetta o se magari state rinunciando a tutte le occasioni per mettervi in costume o passate il vostro tempo trattenendo il respiro…bè, forse è arrivato il momento di risolvere il problema!

Contrariamente a quello che si pensa, seguendo un programma adatto è possibile ridurre la pancetta in breve tempo, e ottenere un addome più piatto e tonico.

Per raggiungere questi risultati è necessario correggere alcune abitudini di vita errate, come l’alimentazione squilibrata e la vita sedentaria, e seguire un programma specifico.

Le cose da non fare
• Stare per ore seduti davanti al computer.
• Passare le serate sul divano a guardare la tele.
• Mangiare quello che capita, compresi hamburger e patatine.
• Consumare alcolici.

Le cose da fare
• Fare attività fisica, in palestra o a casa.
• Imporsi di muoversi di più, magari ricominciando a praticare lo sport preferito.
• Stare attenti a tavola, evitando cibi ipercalorici e poco sani.
L’alimentazione è il fattore più importante per tenere sotto controllo la pancetta.
• Evitare tutti gli alcolici, birra compresa.

L’esercizio fisico contro la pancia
Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, lavorare solo sugli addominali con esercizi specifici non è la cosa migliore da fare.

È necessaria un’attività di tipo aerobico, che permetta di bruciare i grassi e perdere chili, tonificando così tutto il fisico, pancia compresa. Vanno benissimo il nuoto, la corsa, lo spinning, e tutti gli sport di resistenza.

L’attività va integrata con esercizi specifici per gli addominali, che sono i muscoli di sostegno degli organi dell’addome e quindi aiutano a contenere la pancia.

Se si vogliono ottenere risultati in breve tempo è necessario dedicare all’attività fisica almeno tre giorni la settimana.

Una dieta rapida per la pancia
Per una terapia d’urto, seguite questa dieta, che permette di perdere in media 5 chili in un mese.

colazione:
– caffè senza zucchero
– yogurt magro o una tazza di latte
– due fette biscottate
spuntino:
– 1 frutto o un succo a vostro piacimento
pranzo:
– 150 grammi di carne o pesce oppure due uova
– verdure lessate o fresche
merenda:
– una spremuta di arancio, ananas o mandarino
cena:
– 100 grammi di pasta
– verdure o legumi

Il pranzo e la cena si possono invertire.
Per condire non utilizzate più di un cucchiaino d’olio extra vergine a pasto.

Tossicodipendenza e Alcooldipendenza

Tossicodipendenza e Alcoldipendenza

Il fenomeno dell’abuso di sostanze illegali come le droghe o legali come l’alcol favorisce la nascita di dipendenze quali: tossicodipendenza ed alcoldipendenza.

Queste ultime correlate nel nostro territorio rispecchiano l’evoluzione che le stesse sostanze stanno avendo, ed ha in passato largamente avuto, sia a livello regionale che nazionale.  

Per quanto riguarda la tossicodipendenza un progressivo calo del consumo di eroina, anche se ci sono dei picchi di riattivazione del fenomeno, corrisponde un aumento del consumo di cocaina, cannabinoidi e sostanze sintetiche (ecstasy in particolare). 

Il coinvolgimento complessivo delle persone nel rapporto con le sostanze psicoattive non appare in calo, si è modificata la modalità di consumo: si usa meno la via endovenosa ma le stesse sostanze vengono più spesso sniffate, bevute, inalate e l’uso è spesso concentrato nel fine settimana, in occasione di feste, di incontri in discoteche o altri locali simili.

Spesso si scambia psicologicamente il momento di incontro e di amicizia nelle compagnie di giovani, con l’utilizzo collettivo di queste sostanze.

Negli ultimi 20 anni si è verificata una diminuzione del livello di attenzione degli adulti verso la pericolosità delle già conosciute (ecstasy, popper, lsd, ketamina, smart drugs) e delle vecchie (eroina, cocaina, cannabinoidi) sostanze, usate in modo diverso dal passato (non  continuativamente, sniffate invece che endovenose, oppure attraverso più sostanze insieme: generalmente conosciuto come cocktail).

Questo ha favorito una penetrazione del consumo anche in gruppi giovanili che un tempo sembravano immuni.

Tra i consumatori ed abusatori di queste sostanze, sono aumentate le persone con problemi  psicopatologici conclamati, sia per la maggiore vulnerabilità delle persone con disturbi psichici verso il consumo di sostanze, sia per gli effetti psichici delle sostanze stesse.  

Per quanto riguarda invece l’alcoldipendenza ed il fenomeno del consumo di alcol correlato, esso appare più endemico e mimetizzato nel tessuto sociale, con sottovalutazione dei rischi  sia da parte delle famiglie che da parte degli educatori, ma anche da parte dei medici sia di famiglia che ospedalieri. 

Questo fenomeno deve essere invece affrontato molto prima che si instaurino le complicanze fisiche e psichiche che portano, come è noto, a livelli di sofferenza individuale, familiare e sociale che hanno pochi altri riscontri nella vita delle persone.

Preoccupante appare il consumo ed abuso nel fine settimana di alcolici da parte dei giovani e giovanissimi (14-16 anni), che raramente richiedono un trattamento, ma che sottovalutano il potenziale rischio di danno sia psichico (aumento dell’aggressività, diminuzione della memoria e attenzione, amnesie), che fisico (danni epatici, gastrici, cardiaci e neurologici a medio lungo termine), ed anche sociale (incidenti stradali, incidenti ed assenze sul lavoro, isolamento familiare) di una tale modalità di consumo.  

Già da qualche anno la richiesta di visite specialistiche da parte della Commissione Patenti provinciale sembra essersi moltiplicata in maniera esponenziale e, se da un lato è vero che abbiamo una legge sempre più opprimente, dall’altro è anche si veritiero che in molti continuano però ad infrangerla, specialmente dopo l’assunzione di sostanze nocive ed illegali.

Tali richieste sono aumentate di molte volte rispetto a qualche anno fa. 

La lettura del fenomeno nel territorio può essere svolta attraverso l’esame delle persone che sono state in carico ai Servizi per le Tossicodipendenze e Alcologia.

Anche se non se ne sente parlare (solamente a livello di facciata), la sostanza di abuso e dipendenza primaria per le persone con problemi (in tutta Europa) di tossicodipendenza rimane l’eroina.

Negli ultimi decenni il suo consumo tende a calare, seguita da cannabinoidi, cocaina ed ecstasy, queste ultime tre sono anche le sostanze di abuso secondarie più utilizzate insieme all’alcol. 

Per le persone con problemi di alcol correlati, il vino rimane in assoluto la sostanza di abuso e di dipendenza più utilizzata seguita da birra e superalcolici.

L’età media dei nuovi casi di persone con problemi  correlati alla droga si situa tra i 20 e 30 anni, mentre per le persone con problemi alcolcorrelati tra i 40 e 50 anni.  

Si stanno avvicinando al trattamento alcol-correlato anche persone con età intorno ai 30 anni. 

Una volta prese in carico, le persone  entrano in un processo di cura che prevede tempi lunghi.

I trattamenti offerti dai vari Servizi per le Tossicodipendenze (SerT), o Servizi per le Dipendenze patologiche (SerD), sono caratterizzati dall’integrazione di  aspetti medico-farmacologici e aspetti psicologici e sociali-riabilitativi.

L’evoluzione parallela alla medicina classica, di tecniche non tradizionali è stata notevolmente implementata ed oggi, molte di queste tecniche, fanno parte del tessuto funzionale ed applicato delle discipline di guarigione e di disintossicazione prive farmaci chimici, pertanto tecniche meccaniche o naturali volte al completo reset fisiologico e psicologico del corpo umano (www.kinesiologia-riflessologia.com).

Nello specifico, il 60% dei trattamenti attuati sono di tipo psicosociale e/o riabilitativo, che comprende: sostegno psicologico,  psicoterapia individuale-familiare o di gruppo, interventi di servizio sociale, mentre il restante 40% sono trattamenti integrati di tipo farmacologico e psico-sociale.

A varie persone è stato proposto un  trattamento in comunità terapeutica ed infatti i Ser.T. e i Ser.D. collaborano con varie comunità terapeutiche.

Per affrontare in modo integrato e sinergico il fenomeno delle dipendenze da sostanze psicoattive attraverso uno stretto coordinamento degli obiettivi e delle azioni sul territorio, da alcuni anni è stato creato il Dipartimento Funzionale per le Dipendenze.

Ad esso partecipano tutte le strutture che nel nostro territorio si occupano direttamente ed indirettamente di dipendenze patologiche.

Patologie cutanee conosciute maggiormente diffuse

Patologie cutanee conosciute maggiormente diffuse

Nel Mondo esistono tantissime patologie cutanee, in questo articolo parleremo di quelle maggiormente conosciute e diffuse.

PSORIASI Malattia infiammatoria della pelle non contagiosa a carattere cronico e recidivante.  

È una delle più comuni malattie croniche cutanee e colpisce circa il 2% della popolazione mondiale.

Nella maggior parte dei casi si tratta della forma a placche e papule rotondeggianti coperte da squame argentate, generalmente in zone soggette a sfregamento come gomiti, ginocchia e nuca.

Nella maggior parte dei casi si tratta di una forma benigna, ma la malattia è difficile da curare, non ci sono cure risolutive, ma solo lenitive e l’andamento è cronico con dei periodi di remissione.

I SEGNI PARTICOLARI, sono il prurito e la desquamazione di tipo furfuraceo delle lesioni, c’è la possibilità di lesioni eritematose e di artrite psoriasica.  

In genere c’è molto disagio nell’esporre la pelle, ciò crea limitazione in certi sport e nelle attività sociali.  

Si può associare a malattie cardiovascolari, ipertensione, diabete, dislipidemie. 

Nella sua PATOGENESI intervengono fattori genetici ed ambientali, ma la causa principale è Autoimmunitaria.

La patogenesi è da imputarsi ad una disregolazione dei i linfociti T (immunità cellulo mediata) responsabile del cronicizzarsi della malattia.  

Le cellule dendritiche ed i linfociti T, passano dal derma all’epidermide, continuando a secernere segnali chimici pro-infiammatori, come: TNF-α, IL-1β, IL-6, e anche la interleuchina IL-22 che invece causa la proliferazione dei cheratinociti.  

Il risultato finale è la rapida proliferazione dei cheratinociti, con una incompleta maturazione, una neovascolarizzazione e una flogosi.

A loro volta i cheratinociti rilasciano delle chemochine che stimolano ulteriormente i linfociti T, creando così un circolo vizioso di flogosi autoindotta.  

Esistono delle forme generalizzate.

TERAPIA CONVENZIONALE

Terapia locale cheratolitica: acido salicilico (10-15%), urea (10-20%), catrame, creme al cortisone, antralina derivata dalla secrezione di una pianta tropicale e la crisarobina e suo derivato sintetico interferiscono con la sintesi del DNA e hanno effetto citotossico. 

Fotochemioterapia con lampade a raggi UVB oppure con lampade UVA in cui l’effetto può essere rinforzato da psoraleni assunti per via generale. 

Terapia sistemica immunosoppressiva con ciclosporina, metotrexate, e cheratolitici come i retinoidi. 

Attualmente ci sono i farmaci biologici capaci di una azione mirata in quanto sono anticorpi monoclonali privi di tossicità d’organo nel lungo termine ottenuti  ACNE Si tratta di un’infiammazione cronica dei follicoli pilosebacei dovuta alla formazione di tappi di cheratina che causano papille infiammatorie, pustole noduli, cisti ed esitano in cicatrici.  Colpisce maggiormente il viso, le spalle, il dorso e il petto.

Caratteristici dell’acne sono: l’aumentata untuosità della pelle, il comedone detto anche “punto nero” e i foruncoli infiammati o pieni di pus (pustole).  

L’acne Interessa circa il 40% della popolazione tra i 12 ed i 30 anni e rappresenta una grande preoccupazioni di tipo estetico; nei giovani tra i 18 ed i 25 anni è seconda soltanto al sovrappeso ed alla perdita dei capelli.

La CAUSA della patologia è l’aumento della secrezione di sebo che diviene denso e ostruisce l’orifizio assieme a residui di cheratina diviene una cisti chiamata comedone.

Tra le cause di questo aumento si prende spesso in considerazione l’azione di stimolo degli androgeni e dello stress sui sebociti.

Nel secondo caso si è visto che l’ormone CRH, secreto dall’ipotalamo in condizioni di stress, su sebociti attivati è in grado di determinare un incremento nella sintesi del sebo.

All’interno dei comedoni si trova il batterio saprofita della pelle Propionibacterium Acnes che si nutrono del sebo e liberando acidi grassi causano infiammazione e rottura della parete della cisti con una reazione infiammatoria da corpo estraneo.

In base al QUADRO CLINICO si parla di acne lieve, moderata e grave.  

Nell’acne lieve i comedoni sono localizzati in poche zone con minime lesioni infiammatorie. Nella moderata ci sono numerose lesioni infiammatorie associate a lievi cicatrici.

Nell’acne grave molte lesioni nodulo-cistiche associate ad esiti cicatriziali.

TERAPIA CONVENZIONALE Una politerapia combinata in base alla gravità dell’acne; esistono sei tipologie di farmaci utili: Antiandrogeni che bloccano l’azione del testosterone sui sebociti (nelle donne estroprogestinici) nei maschi inibitori 5-alfa reduttasi.

Antibiotici topici o sistemici che combattono la proliferazione del P.acnes si usano macrolidi o tetracicline (come inizio: doxiciclina orale oppure lindamicina topica) attenti all’antibiotico resistenza Antimicrobici topici: perossido di benzoile, ac. azelaico, ac. salicilico Antiproliferativi nei confronti dei sebociti: retinoidi (capostipite la tretinoina) somministrati per via topica o sistemica.

L’adapalene e altri composti di terza generazione si dimostrano teratogeni.  

Cheratolitici: ac. salicilico, ac. glicolico Antinfiammatori locali: ac salicilico, zinco, tetracicline La terapia è topica nei casi di acne lieve e moderata, si utilizzano: retinoidi, acido azelaico, benzoilperossido ed antibiotici che servono a maturare l’epitelio follicolare ea sfiammare.

Il trattamento sistemico è riservato ai casi gravi e consta di retinoidi, antibatterici (tetracicline, trimetoprim-sulfametossazolo) e ormoni steroidei ad attività antiandrogenica. Per tutti i casi si associa un trattamento cosmetico specifico (alfaidrossiacidi, lipoidrossiacidi, fosfatidilcolina, acido linoleico).  

Attenzione alle orecchie ed ai loro leggeri sintomi

Attenzione alle orecchie ed ai loro leggeri sintomi

Esistono differenti segnali che possono rappresentare le basi di alcune infezioni problematiche alle orecchie, per questo bisogna prestare molta attenzione alle orecchie ed ai loro leggeri sintomi iniziali.

Il nuoto è un’attività salutare ma che nasconde qualche rara insidia, l’acqua che entra nell’orecchio può portare con sé particelle contenenti miceti (funghi) o batteri.

Di solito l’acqua fuoriesce, l’orecchio si asciuga e batteri e miceti non costituiscono alcun problema.

Talora l’acqua rimane intrappolata nel canale uditivo,la pelle rimane umida e i batterie i miceti possono infettare l’orecchio esterno (o condotto uditivo esterno). Sintomi:

  • sensazione di orecchio chiuso e prurito;
  • il canale uditivo esterno si chiude completamente per il gonfiore;
  • dall’orecchio può fuoriuscire un liquido lattiginoso e fetido.

Se compaiono tali sintomi o se le ghiandole del collo si gonfiano è opportuno consultare uno specialista ORL.  

Prevenzione Se avvertite la sensazione di orecchio umido o chiuso dopo una nuotata, dopo aver lavato i capelli o dopo una doccia, provate a piegare la testa obliquamente con l’orecchio tirato in alto, muovete il padiglione auricolare e poi ruotare la testa per permettere la fuoriuscita dell’acqua.

Attenzione è opportuno non frequentare la piscina in caso di infezione dell’orecchio o presenza di una perforazione timpanica o una qualsiasi ferita sul timpano o se si è stati sottoposti ad un intervento chirurgico all’orecchio.

Una sostanza efficace nel disinfettare l’orecchio esterno è la soluzione di acido borico al 3% (non va usata per periodi prolungati).

Un ambiente debolmente acido previene la crescita dei batteri e dei miceti. Un orecchio asciutto si infetta molto difficilmente pertanto si può usare un asciugacapelli per asciugare l’orecchio (temperatura tiepida e stirando il padiglione auricolare in alto).

Non bisogna usare i “cotton-fioc” poiché spingono il materiale più profondamente nel condotto uditivo e possono farlo sanguinare o infettarlo.

Se il problema è frequente e ricorrente è necessario consultare lo specialista otorino che potrà consigliarvi di instillare gocce auricolari per proteggere l’orecchio dagli effetti dell’acqua.  

IL PRURITO DENTRO L’ORECCHIO

Il prurito auricolare può essere esasperante.

Talora è causato da miceti o allergie ma più spesso si tratta di una dermatite cronica (infezione della pelle). 

Un tipo di dermatite cronica è la forma seborroica, una condizione simile alla forfora, con cerume abbondante a scaglie secche.

I pazienti dovrebbero evitare cibi che lo aggravano come cibi con grassi animali, carboidrati, cioccolato ed altri cibi correlati al prurito. 

Possono essere utilizzate gocce auricolari a base di cortisone da instillare al momento di andare a letto o quando compare il prurito. 

Non vi è purtroppo una terapia a lungo termine ma il prurito può essere comunque controllato.  

ZANZARE, MOSCERINI ED ALTRI INSETTI Molti tipi di insetti possono entrare nell’orecchio. 

I moscerini si impigliano nel cerume e non possono volare via. Insetti più grandi non possono girarsi né trascinarsi fuori dal condotto. 

Essi continuano a lottare e i loro movimenti possono essere fastidiosi ed anche dolorosi e spaventare ed irritare le persone. 

Bisogna lavare il condotto con acqua tiepida con una siringa di gomma in modo da rimuovere l’insetto. 

Per un insetto più grande è utile riempire il condotto con olio che tappa i pori respiratori dell’insetto e lo uccide in 5 o 10 minuti. 

Successivamente bisogna consultare il proprio medico o lo specialista per la rimozione dell’insetto.  

Non conviene tentare di estrarlo da soli per la possibilità di provocare danni alla cute del condotto o alla membrana timpanica. 

Per altri corpi estranei quali: perline, punte di matita, pezzi di gomma da cancellare, pezzi di giocattoli di plastica e fagioli secchi che i bambini talora mettono nelle loro orecchie per gioco, è necessario consultare uno specialista. La rimozione è un compito delicato e deve essere effettuato dall’otorino.